La sicurezza in auto dei bambini è di fondamentale importanza, e non solo: la legge prevede che, fino ad una certa età, i bambini debbano necessariamente viaggiare in seggiolini per la loro sicurezza.

La scelta del seggiolino, che è davvero di primaria importanza per garantire la salute e in alcuni casi la salvezza dei bambini, non deve essere fatta in modo superficiale o secondo mere logiche di costo.

Gli incidenti d’auto sono la prima causa di morte fra i bambini ed ancora oggi, si stima, 6 bambini su 10 viaggiano senza i seggiolini o con dispositivi che non sono adeguati al loro peso ed alla loro altezza. Inutile pensare che tenere il bambino in braccio possa evitare conseguenze disastrose: un impatto a 50 km orari trasforma il peso di un bimbo di soli 10 kg in circa 200 kg. Questo rende l’idea di come sia davvero inutile cercare soluzioni alterative a quelle studiate per la reale sicurezza dei bambini quando si viaggia in auto, anche per brevi tragitti.

Esistono seggiolini per tutte le età e per scegliere bene bisogna conoscere che cosa dice la legge e come viaggiare sicuri.

Secondo la legge, i seggiolini auto – come apprendiamo dal sito specializzato http://www.migliorseggiolinoauto.it/ – devono essere utilizzati fino a che il bambino non supera i 150 cm di altezza.

I seggiolini sono distinti in base al peso, se sono omologati secondo la ECE R44, o in altezza.

I seggiolini, dicevamo, sono distinti per età. Quando il bambino raggiunge i 150 cm di altezza può viaggiare semplicemente con le cinture di sicurezza, come gli adulti. Quando invece il bambino non abbia raggiunto i 150 cm e pesi dai 22 ai 36 kg, si possono usare le alzatine che permettono al piccolo di utilizzare comodamente e in tutta sicurezza le cinture.

La normativa europea ECE R44

La normativa europea ECE R44 divide le tipologie di seggiolini sulla base del peso del bimbo. In particolare si identificano cinque gruppi di peso:

  • gruppo 0, per bambini di meno di 10 kg. Si tratta delle cosiddette navicelle, idonee per bambini appena nati o comunque sotto i 10 kg di peso.
  • Gruppo 0+, per bambini che pesano meno di 13 kg. Si tratta dei cosiddetti Ovetti, che possono essere messi anche sul sedile anteriore sempre contrariamente al senso di marcia; può essere agganciato al sedile dell’auto per mezzo delle cinture di sicurezza del veicolo o con agganci appositi.
  • Gruppo 1, per bambini di peso fra i 9 ed i 18 kg. Superati i 9 kg di peso i bambini possono viaggiare verso il senso di marcia. I seggiolini del gruppo 1 possono essere agganciati con le cinture di sicurezza o con sistema ISOFIX.
  • Gruppo 2, per bambini fra 15 e 25 kg. I rialzi permettono al bambino di essere alla giusta altezza per poter usare le cinture di sicurezza.
  • Gruppo 3 per bambini fra 22 e 36 kg. Questi rialzi permettono di alzare il bambino; possono anche essere senza schienale e senza braccioli, e consistere in una semplice seduta per permettere l’uso delle cinture.

La nuova normativa ECE R129 suddivide i seggiolini anche sulla base dell’altezza del bambino, quindi da quando nasce a quando misura 150 cm e può usare le cinture.

La scelta dei seggiolini e rialzi per bambini è davvero molto vasta. Esistono inoltre seggiolini universali, che possono adattarsi a tutte le tipologie di vetture; seggiolini semi-universali, che si adattano con alcune tipologie di auto (è possibile controllare la compatibilità), ed infine seggiolini per veicoli specifici, idonei ad essere utilizzati solamente su alcuni modelli di auto in funzione dei quali sono concepiti.